mercoledì 21 marzo 2018

Recensione di Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson


Titolo: Abbiamo sempre vissuto nel castello
 Autrice: Shirley Jackson
Genere: romanzo familiare, horror

Salve lettori! Come va? A me tutto bene, anche perché ho appena finito un libro che mi è piaciuto moltissimo. Si tratta di Abbiamo sempre vissuto nel castello di Shirley Jackson, che ho letto perché è stato il libro scelto come lettura del mese del gruppo di lettura Leggendo a Bari di cui faccio parte. Avevo molto sentito parlare di questo libro, e anche molto bene, e volevo davvero leggerlo, soprattutto perché ho scoperto, da pochi mesi a questa parte, di amare le saghe familiari (Cazalet docet). Questo libro, infatti, narra di una famiglia e delle sue dinamiche, ed è stata una lettura inquietante e strana, ma anche e soprattutto molto interessante.

La protagonista di questo libro è Mary Katherine, anche detta Merricat, una ragazza che vive in una grande casa con sua sorella e suo zio. Loro tre sono i soli sopravvissuti alla tragedia che ha travolto la loro famiglia, rimasta avvelenata durante un pasto. 
Queste sono le uniche informazioni che abbiamo all’inizio, e il romanzo è un lento srotolare di informazioni e delle dinamiche che svelano cosa è realmente successo, come e perché. Le vicende si stringono attorno alle due sorelle, rimaste quasi completamente sole in una città dove la loro famiglia è odiata e ancor più demonizzata a causa della tragedia che l'ha investita. Lo zio, l’unico adulto maschio rimasto in vita, è costretto sulla sedia a rotelle, per sempre infortunato a causa dell’avvelenamento.
Ed è così che le due ragazze si chiudono sempre più in loro stesse: la casa è roccaforte, unico porto sicuro, fortezza che lascia il mondo, crudele, corruttore, fuori. La fobia sociale, la voglia di vivere in un mondo tutto loro è palpabile, a volte anche esplicitata a parole: nonostante le due sorelle parlino molto, ciò che è importante è il non detto. Ma il mondo là fuori non può essere a lungo ignorato: esso tenterà di intromettersi, d’irrompere nella tranquilla, quanto morbosa e malsana clausura che le due ragazze si autoimpongono.
Il romanzo è delicato nel raccontare dinamiche familiari malate. La lettura è scorrevole, e anche se procede lentamente e se si srotola in modo placido, è interessante ed emozionante. È bello notare come le emozioni, gli affetti e le relazioni emergano pian piano, mostrando sia il buono che il torbido. Peculiari sono, soprattutto, le psicologie delle due sorelle, tra cui vi è la protagonista. Sono estremamente complesse, e il lettore è fin da subito cosciente che vi è qualcosa che non va, che le due sperimentano pensieri ed emozioni in qualche modo malsani. Ma essi sono causa o conseguenza dei terribili eventi di cui le due ragazze sono state protagoniste?
Non posso dirvi molto altro senza spoilerarvi qualcosa. Si tratta di un romanzo raffinato, molto scorrevole e non troppo lungo. Di certo una lettura che fa riflettere, che intrattiene e che smuove qualcosa dentro, nel profondo. Consigliato!

Alla prossima!

2 commenti:

  1. Ho in lista desideri questa versione da parecchio tempo, l'ho letto una volta in prestito ed è un libro che mi è piaciuto molto ed è vero, le protagoniste sono molto complesse

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, e io amo la psicologia dei personaggi!

      Elimina