giovedì 27 luglio 2017

Recensione di Nyctophobia 2: Il Cuore della Notte di Carlo Vicenzi

Titolo: Nyctophobia 2: Il Cuore della Notte
Autore: Carlo Vicenzi
Genere: fantasy/horror
Casa Editrice: Dunwich Edizioni

Salve lettori! Scusate per la lunga assenza, ma ritorno alla grande con una bella recensione. Oggi vi parlerò di Nyctophobia 2: Il Cuore della Notte di Carlo Vicenzi. Si tratta del secondo volume di una saga fantasy-horror iniziata con Nyctophobia: Mondo senza luce (di cui potete trovare qui la recensione).
Il primo volume mi era piaciuto davvero tanto, e avevo atteso questo sequel nutrendo davvero tante aspettative, ma senza sapere bene cosa aspettarmi. Devo dire che questo secondo volume mi ha piacevolmente sorpreso e mi ha riservato parecchi brividi ed emozioni nostalgiche che rimandano al primo capitolo della saga che, a questo punto, penso che continuerà! Ma andiamo per gradi.

Innanzitutto c’è da dire che tornare nel mondo distopico e spezzato creato da Carlo Vicenzi è stato un piacere: l’autore ambienta tutto in Italia (cosa strana per un fantasy) e lo fa magnificamente. Adoro le descrizioni dei posti, e come ha dipinto questo mondo che è quello che conosciamo ma, al tempo stesso, non lo è più. Tra le pagine ho ritrovato le creature della notte che ricordavo e che mi avevano già fatto gelare il sangue nelle vene durante il primo romanzo, ma anche un modo di vedere le cose differente, dove la paura e la sopravvivenza plasmano le menti in modo del tutto diverso.
Rivedere e leggere citazioni e riferimenti dei vecchi personaggi mi ha fatto emozionare, ma degni di nota sono anche i nuovissimi personaggi. Del tutto diversi da Eliana, la protagonista del primo romanzo. Nuovamente si parla di donne forti, cosa che ho apprezzato moltissimo: Selene e Licia si sono rivelate due personaggi complessi, molto diversi tra loro, e il loro rapporto e ciò che le lega non risulta essere affatto banale.
Si ripresenta, insistente, il quesito su cosa sia realmente il Buio, su cosa voglia, da dove venga… ma non vi dico se verrà svelato o meno questo mistero, per questo dovrete leggere questo libro eccezionale!
Il finale mi ha lasciato l’amaro in bocca, facendomi capire che si tratta di un romanzo sì importante e fondamentale per la storia, ma anche di passaggio. Aspetto già con ansia il sequel…

Se proprio devo avanzare qualche piccola critica, direi che la narrazione risulta, a differenza del primo romanzo, più spezzettata e meno organica. Inoltre, avrei voluto un finale più risolutivo ma, ahimé, quando si parla di saghe sono abituata a rimanere col fiato sospeso!
Vi consiglio vivamente questa saga se amate il fantasy, ma non disdegnate un po' di puro terrore ma, soprattutto, se siete tra coloro che subiscono il fascino del Buio...
A presto, alla prossima recensione!

2 commenti:

  1. Sono già al lavoro col 3 e ti ringrazio davvero per questa bellissima recensione. Ti anticipo che vedremo un po' più di Eliana nel prossimo, affiancata da un personaggio nuovo e molto diverso dagli altri.

    RispondiElimina
  2. Carlo, dovevo taggarti ma non ho fatto in tempo, hai trovato da solo la recensione! Questo libro mi ha lasciato una curiosità addosso! *^* e non vedo l'ora di leggere il prossimo e ritrovare Eliana che io adoro!

    RispondiElimina